• image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • Comunioni
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
Previous Next

XVII Domenica del Tempo Ordinario

Commento al Vangelo della XVII domenica del Tempo Ordinario

Anno B

 

In questa domenica ci viene presentato il racconto della mol­tiplicazione dei pani secondo il Vangelo di Giovanni. Questo rac­conto è preparato, nella prima lettura, da un episodio analogo di moltiplicazione del cibo. La seconda lettura c’invita a comportarci in maniera degna della nostra vocazione: non basta per noi acco­gliere il cibo che il Signore ci dà in abbondanza, ma dobbiamo an­che vivere in maniera degna della nostra vocazione, grazie appunto a questo cibo.

Giovanni ci racconta l’episodio della moltiplicazione dei pa­ni, un episodio molto noto, che ci viene presentato anche negli al­tri Vangeli. In esso no­tiamo innanzitutto l’iniziativa di Gesù. Assieme ai discepoli egli era partito per andare all’altra riva del lago di Galilea e trovare un po’ di tranquillità, ma lì è stato raggiunto da un gran numero di persone.

Gesù subito si preoccupa di questa folla, e chiede a Filippo: «Dove possiamo comprare il pane perché costoro abbiano da mangiare?». Filippo risponde che una grande quantità di denaro non basterebbe per dar da mangiare a tutte quelle persone. Un al­tro discepolo, Andrea, osserva che c’è un ragazzo che ha cinque pani d’orzo e due pesci, tuttavia con realismo aggiunge: «Ma che cos’è questo per tanta gente?».

Gesù prende l’iniziativa. Fa sedere la gente. Poi prende i pa­ni, rende grazie a Dio per essi e li distribuisce. E lo stesso fa con i due pesci. La distribuzione è continua, senza che il cibo venga mai meno. Tutta la folla viene saziata. Alla fine Gesù raccoman­da di raccogliere i pezzi avanzati, perché nulla vada perduto.

L’abbondanza dei pezzi avanzati fa capire l’importanza di questo miracolo. Con i pezzi dei cinque pani di orzo avanzati a co­loro che ne avevano mangiato si riempiono dodici canestri. È unfatto veramente straordinario! La gente rimane impressionata da questo miracolo e comincia a dire: «Questi è davvero il profeta che deve venire nel mondo!».

Gli ebrei attendevano per gli ultimi tempi non un profeta qual­siasi, ma «il» profeta, che era stato promesso da Dio. Nel libro del Deuteronomio Dio aveva promesso di dare al suo popolo un pro­feta simile a Mosè (cf. Dt 18,15.18), ma alla fine di questo libro l’autore osservava: «Non è più sorto in Israele un profeta come Mosè» (Dt 34,10).

Perciò gli ebrei aspettavano il profeta degli ultimi tempi, che doveva venire nel mondo per preparare il popolo al compimento del progetto di Dio, che è un progetto di pace, di gioia e di feli­cità. Ora la gente riconosce in Gesù tale profeta. In effetti, negli Atti degli Apostoli Pietro, in uno dei suoi discorsi, applica a Gesù questo testo del Deuteronomio, dicendo che è lui il profeta an­nunciato, e che perciò dobbiamo ascoltare con docilità le sue pa­role (cf. At 3,22-23).

La reazione di Gesù è sorprendente. All’inizio egli si era mo­strato tanto accogliente, si era preoccupato di aiutare questa gran­de folla; alla fine invece rompe il suo legame con essa, fugge, si ritira solo sulla montagna. Perché? Perché sa che stanno per ve­nire a prenderlo per farlo re, e non intende acconsentire a questo progetto. Egli non è venuto nel mondo per diventare un re terre­no. Così ora ha il coraggio di deludere la folla, dopo averla sod­disfatta in modo così generoso.

Questo atteggiamento di Gesù è un insegnamento per noi. Il Signore a volte soddisfa i nostri desideri, concedendoci grazie me­ravigliose; altre volte, invece, si rifiuta di concedercele, ci delu­de. Ma anche questo suo rifiuto è ispirato all’amore. Anch’esso è una grazia, una grazia negativa, se così si può dire. Il Signore infatti agisce così per distaccarci dai nostri progetti troppo uma­ni, troppo interessati. Ed è importante per noi essere distaccati da questi progetti. Quando essi sono troppo egoistici, ostacolano il nostro progresso spirituale, che dev’essere sempre un progresso nell’amore e, quindi, nel distacco, nella gratuità.

Così il Signore dimostra il suo amore per noi in questi due mo­di: dandoci l’abbondanza della sua grazia e richiedendoci delle ri­nunce.

Con l’episodio della moltiplicazione dei pani Gesù ci dimostra la sua generosità, ma ci fa capire anche che dobbiamo impegnar­ci ad amare - sebbene questo ci costi -, per corrispondere piena­mente al suo dono. Infatti, egli non soltanto ha moltiplicato i pa­ni, ma nell’Eucaristia moltiplica ogni giorno se stesso per noi, per diventare il nostro cibo interiore, spirituale, che ci mette in co­munione con Dio e ci unisce a tutti i nostri fratelli.

 

 

Sul Web

GRUPPO FACEBOOK


CANALE YOUTUBE

Liturgia del Giorno

Santo del Giorno

Sono le.... del...

Rome