• image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • image
  • Comunioni
Previous Next

7 Luglio- XIV Domenica del Tempo Ordinario

Commento al Vangelo dell XIV Domenica del Tempo Ordinario

Anno C- Luca 10, 1-12. 17-20

Mitezza, povertà, essere portatori di pace, sapersi accontentare, interessarsi dei bisogni degli altri, annunciare il Regno, non lasciarsi travolgere dal facile successo, sapere che ciò che conta è essere membri del Regno: queste sono le consegne esplicite del Maestro ai suoi discepoli, in quello che a ragione può essere considerato il "Decalogo" della missione. Chi ha avuto la grazia (perché di questo si tratta) di vivere l'esperienza della missione "ad gentes" sa quanto siano vere e fondamentali queste parole. Ma sa pure quanta responsabilità portano con sè. E di fronte a questo, il missionario non dorme sonni tranquilli, tutt'altro.
Quando si parte per un'esperienza di missione, e quando soprattutto ci si trova sul posto a operare, si ha sempre un po' la sensazione di essere uomini e donne "in prima linea", di frontiera, che sono chiamati ad affrontare situazioni difficili che in altri luoghi e in altre situazioni non si affrontano, e allora sorge un po' di "orgoglio personale" che porta noi missionari a sentirci protagonisti indispensabili di ciò che stiamo facendo. Lo dico a me stesso, prima di tutto: ci sentiamo talmente protagonisti che arriviamo al punto - quando ci è chiesto di rientrare o di cambiare ambito della missione - di opporre molte resistenze, convinti del fatto che se veniamo via noi, crolla tutto. In parte può essere vero, e in vari casi l'abbiamo pure verificato, nel corso della storia. Ma non possiamo certo dire che questo sia dovuto alle inadempienze di chi è venuto dopo di noi, soprattutto quando fa parte del clero locale delle Chiese del Sud del mondo. Spesso si deve a questo nostro protagonismo, che in molti momenti ha lasciato poco spazio agli altri, impedendo così che la chiesa locale divenisse protagonista.
Ma il Signore, nel Vangelo di oggi, non lascia spazio a dubbi. Di fronte ai discepoli che esultavano perché addirittura i demoni si sottomettevano a loro, afferma che la loro gioia non deve derivare da quello, quanto piuttosto dalla ferma convinzione che chi è protagonista del Regno è il Signore. È a lui che dobbiamo rendere conto, ed è solo preoccupandoci che i nostri nomi siano scritti nei cieli che compiamo la missione che egli ci ha affidato.
Da questa convinzione scaturiscono tutte quelle "consegne" che il Signore dà ai suoi settantadue discepoli quando li invia. La mitezza ci ricorda che non siamo i padroni della situazione, e che non possiamo mai imporre a nessuno il messaggio del Vangelo. Il Vangelo secondo questo brano di Luca ha due soli temi: la Pace e la vicinanza del Regno di Dio a ogni uomo. Il Vangelo è Pace, non è imposizione, non è legge, non crea dipendenza o schiavitù. Il Vangelo è un messaggio di pace per uomini liberi, e che crea uomini liberi. E la libertà si gioca anche sull'indipendenza da ogni forma di schiavitù, anche quella subdola e accattivante delle ricchezze e dei beni materiali. Infatti, oltre a chiedere ai suoi discepoli di esser portatori di pace, il Maestro li invita a sapersi accontentare di quanto ogni uomo è capace loro di offrire. In sostanza, il Maestro chiede ai suoi discepoli di vivere la povertà nel senso più originario e profondo del termine: la capacità di comprendere che tutto è un dono, che tutto ci viene da Dio, che nulla ci appartiene, e per questo nulla possiamo pretendere di avere o di portarci via da questa terra.
Allora, non servono "né borsa, né sacca, né sandali", perché non sono i beni che possediamo a darci sicurezza nell'annuncio del Vangelo. E questo, quando si fa missione, ma più in generale quando si è cristiani, è ciò su cui ci giochiamo la nostra credibilità e la veridicità della nostra testimonianza. Lo vediamo anche in questi giorni, in cui Papa Francesco sta chiedendo alla Chiesa e alle sue strutture un ritorno a una povertà che non sia "pauperismo", mancanza assoluta di tutto, rinuncia a ciò che si è costruito magari anche con fatica e sacrificio: solamente, chiede che Dio sia rimesso al centro di ogni cosa, e soprattutto al centro della vita del cristiano, il quale non può fare a meno dei beni materiali per sopravvivere, ma non ne può neppure fare il motivo della sua sussistenza. E soprattutto, la Chiesa non può entrare, a causa dell'uso dei beni materiali, nelle logiche di potere o ancora peggio di corruzione che diventano una controtestimonianza evangelica oltre che un segno di umana (se non addirittura disumana) disonestà.
Ma ancora di più, il cristiano, il discepolo, l'annunciatore del Vangelo non può mai agire come padrone della missione e del compito che gli è stato affidato. Ritenere l'annuncio del Vangelo opera delle nostre capacità, e condizionare la buona riuscita dell'annuncio all'utilizzo delle risorse investite per questo, vuole dire non avere compreso la cosa più importante per il discepolo: che l'artefice della missione e dell'annuncio è Dio.
L'abbiamo detto anche nelle domeniche precedenti, e Luca ce lo farà dire anche più avanti: è Dio che detta le regole del gioco, è il Maestro che indica la via, è il Signore che guida i passi del discepolo in una via fatta senza dubbio di croci, ma fatta anche della soddisfazione più grande e dell'unica gioia che il discepolo deve provare, ovvero rallegrarsi che il suo nome sia scritto nei cieli.

Sul Web

GRUPPO FACEBOOK


CANALE YOUTUBE

Liturgia del Giorno

Santo del Giorno

Sono le.... del...

Rome